Gentile Utente sembra che tu stia usando una vecchia e obsoleta versione di Internet Explorer. Per stare al passo con gli standard Web, visualizzare correttamente tutti i siti ed avere una navigazione piú veloce Le consigliamo di scaricare ed installare uno dei seguenti browser:
392 58 81 333   |   

Link a donazione

Torna Sù

Oncologia comparata

AIRMO presenta all’Italia il primo progetto, sostenuto da una associazione di livello nazionale, di Oncologia Comparata.

L’oncologia comparata, secondo la filosofia e i principi di AIRMO, si propone di studiare le interrelazioni tra la malattia tumorale sorta spontaneamente nell’animale domestico (principalmente cani e gatti) convivente con gli umani e l'insorgenza della malattia umana per cercarne tratti comuni di genesi, sviluppo e cura.

L’animale infatti, che ha un ciclo vitale tendenzialmente più breve di quello umano, ma che al nostro pari si nutre del cibo disponibile nei supermercati, beve la nostra stessa acqua, respira la nostra stessa aria ed è sottoposto alle stesse condizioni ambientali (radiofrequenze, smog, inquinamenti), tende a sviluppare prima degli umani determinate patologie, ed è talvolta in grado di offrire una risposta immunologica del tutto peculiare.

L’importanza dell’animale come campanello di allarme e come soggetto delle migliori attenzioni e cure è alla base del concetto di “umanizzazione animale” portata avanti da AIRMO. L’animale non è cioè un oggetto di ricerca, ma soggetto di cure amorevoli che possono essere tradotte in dati importanti anche per l’uomo, e viceversa.

In particolare, con riferimento alle modalità operative con cui questa ricerca si esplica, l’animale ammalato viene curato dal veterinario di fiducia dei possessori. Lo stesso veterinario, grazie ad un network che AIRMO sta espandendo in tutta Italia, fornisce ad un plesso oncologico umano, con il consenso dei possessori, dati sulla patologia ed eventuali esiti di accertamenti effettuati nel corso delle cure dell’animale, con l’assoluto divieto di disporre esami inutili o non funzionali alle cure stesse.

IL PROGETTO “Parallelo”

In particolare, AIRMO sostiene un team di biologi specificamente formati per fungere da collegamento tra il network degli studi veterinari e un gruppo di ricerca oncologica umana.

Compito dei biologi in questione è informare  e sensibilizzare i veterinari  a  seguire assiduamente  con  apposito registro (collegato in rete) le malattie oncologiche degli animali domestici,  comunicando i risultati di eventuali indagini sieroematiche di biochimica clinica, genomiche, proteomiche, nutrigenomiche, istologiche, istochimiche e tossicologiche ottenute da esami disposti dai possessori degli animali in occasione delle loro cure.

I veterinari saranno assistiti e incoraggiati, con il rigoroso consenso dei proprietari, a portare le proprie conoscenze e la propria casistica nell'ambito di occasioni di studio congiunto tra patologi veterinari e clinici per disvelare nuove prospettive di identità e somiglianza di trattamenti di oncologia comparata.

I biologi AIRMO fungeranno da collegamento per assicurare che tale flusso di strumenti e indagini diagnostiche portino a conoscenze approfondite utili, affiancando i veterinari nella classificazione, tenuta del registro oncologico, anamnesi tossicologica alimentare degli animali  affetti, cure oncologiche praticate con relativo esito finale: si potranno in tal modo scoprire eventuali effetti positivi di farmaci oncologici tradizionali o di terapie  integrate.

Il comitato Etico di AIRMO sorveglierà sull’adozione e corretta applicazione dei protocolli di responsabilità del veterinario e tutela dell’animale, vietando categoricamente qualsiasi intervento sull’animale o esame invasivo inutile ai fini delle cure in corso.

Secondo questa filosofia, gli animali verranno monitorati e seguiti nel loro percorso oncologico, in modo sovrapponibile al follow up umano, ed AIRMO avrà rispetto a questi un unico ruolo di raccolta dei dati, che saranno studiati e rielaborati.

Oncologia comparata, i risvolti operativi di AIRMO sull’uomo

I biologi Airmo, contemporaneamente all’esame del decorso e delle cure oncologiche dell’animale, prenderanno contatti con i possessori degli animali affetti da cancro o morti di cancro nel corso delle cure per studiarne le condizioni di salute, suggerendo esami diagnostici precoci sulla base del rischio effettivo da esposizione alle stesse sostanze chimiche (alimentari o aeree) implicate verosimilmente nella cancerogenesi animale –  con particolare riferimento allo studio non invasivo dei radicali liberi e delle capacità antiossidanti difensive di ogni singolo animale e del grado di stress ossidativo individuale.

Tale estensione di ricerche ai pet owners verrà svolta con il consenso dell’interessato e coinvolgendo direttamente i medici curanti.

Per una migliore cura dei nostri amici animali

I biologi AIRMO effettueranno, con i dati ottenuti dagli studi dei veterinari del territorio, studi di approfondimento circa i meccanismi cancerogenetici  degli animali, grazie anche all’ausilio di strumenti di sorveglianza ambientale ed ecologica (per radioattività, metalli pesanti, nano particelle etc ) che verranno via via identificati sul mercato e resi disponibili per ricerca, oppure ideati, prototipizzati e utilizzati nell’ ambito dello studio.

I risultati di tali studi verranno presentati a congressi, inviati per pubblicazioni scientifiche internazionali e seminari, e fungeranno da riferimento non solo per l'uomo, ma anche per l'animale e lo sviluppo di farmaci adeguati alla sua cura.

Sarà proposta altresì, con il consenso dei pet owners, la valutazione di efficacia di alimenti naturali prevalentemente a base di antiossidanti ad azione preventiva del cancro e di altre malattie degenerative  rilevanti; tali composti assolutamente naturali potranno costituire la base anche per un utilizzo in ambito  umano.

Saranno altresì studiati percorsi di medicina integrata veterinaria, che affianchi alla tradizionale cura farmacologica e chirurgica percorsi alimentari e stili di vita salutisti personalizzati per l'animale, raccogliendo i dati relativi al miglioramento conseguito.